mercoledì 7 gennaio 2009

Cielo nero sopra Roma...


Lunedí è ufficialmente iniziato il lungo cammino verso la Maratona di Roma 2009, un cammino, o meglio, una corsa lunga 913,3 chilometri. Lunedí ho fatto i miei primi 16 chilometri nel gelo di Roma, ieri ho riposato per santificare le feste (che bel modo di dire!) e oggi mi sono fatto un fondo medio di 12 chilometri nel centro di Roma, partenza dalla FAO (Circo Massimo), Lungotevere da Ponte Sublicio fino a Castel Sant’Angelo, Piazza Navona, Piazza Venezia, Fori Imperiali, Colosseo, su per il Colle Oppio, San Giovanni in Laterano e giù per Via dell’Amba Aradam fino al biscotto e ritorno alla FAO. 12 chilometri corsi ad una media di 4 e 48, partendo da 5’16”/km per finire l’ultimo a 4’11”. Su Roma incombeva una leggera pioggerellina, ma oramai ci siamo abituati.
La buona notizia è che la mia corsa non ha risentito troppo dei chili in più dovuti agli eccessi delle passate settimane. Il mio running index è cresciuto da 55/56 a 58/60, quindi una proiezione per la Maratona sotto le 3 ore e 20. Ma, come detto, siamo solo all’inizio dell’avventura e tante cose possono ancora succedere!
Oggi sono tornato al lavoro dopo un periodo di vacanza abbastanza lungo iniziato il 19 dicembre. Ho passato un bel periodo di ferie, me lo sono goduto, mi sono goduto la mia piccola famiglia, sono riuscito a correre, anche se non quanto avrei voluto. Oggi dovrebbe essere un blues day, invece, nonostante le nuvole nere, nonostante la pioggia, oggi mi sente alla grande. Forse perché le prime parole della mia piccola questa mattina appena ha aperto gli occhi sono state “Papà, voglio darti un bacio”… Che spettacolo i bambini!
Purtroppo, parlando di bambini, non riesco a non pensare a quanto succede in questo momento tra Israeliani e Palestinesi. Non entro nel merito della questione di chi ha ragione e di chi ha torto. So solo che vediamo nei TG delle immagini raccapriccianti di bambini feriti o morti a causa dei bombardamenti, e mi torna in mente una scena del film Fahrenheit 9/11 di Michael Moore, dove uno splendido Donald Rumsfeld durante una conferenza stampa elogia la precisione delle loro bombe, che permettono di fare bombardamenti “umani”. Mentre parla, si vedono le immagini di un bambino che grida mentre gli viene ricucita la testa… Quella volta, al cinema, credo di aver versato qualche lacrima.
Questo pensiero potrebbe farmi cambiare umore, ma non lo voglio. Stasera voglio tornare a casa e non pensare a nulla di quanto succede "fuori", voglio mettermi a giocare col camper di Barbie insieme alle mie donne e non pensare...

11 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Come funziona il runner INDEX ?
Cosa hanno studiato i signori della polar ?

Karim ha detto...

Ogni volta che usi il cardio e il GPS, il computer calcola la facilità con la quale effettui l'allenamento ed elabora questo indice per valutare il tuo stato di forma e, di conseguenza, il tuo potenziale su varie distanze... Non so quanto sia affidabile, ma almeno ha il pregio di tenerti su il morale!

Anonimo ha detto...

ho mandato via mail a giancarlo e stefano/of course la foto di un (fu) bambino di gaza che mi sa che rovinerà la loro cena... quello che non sopporto è il rapporto delle perdite dei due lati di 100:1. l'elefante prova sempre gusto a schiacciare la formica... e il tutto magari solo per mettere in difficoltà la nuova amministrazione americana o per alzare un po' il prezzo del petrolio che stava cadendo troppo. veramente un bel natale e inizio di anno! luciano er califfo.

GIAN CARLO ha detto...

Confermo che la foto è terribile.
Lungi da me mettere la testa sotto il cuscino e ignorare, ma resta una foto di una crudeltà assoluta.

Mathias ha detto...

la cosa triste è che non lasciano scappare neanche i civili..il diritto di fuggire dalla guerra è negato.

Pimpe ha detto...

dai dalla Fao? ma lavori li?

anch'io ho calcolato un qualcosa di simile col test del polar da effettuare in un giorno dove sei tranquillo col cardio, supino, ecc..
il valore che mi ha dato l'ultima volta il 23/10/2008 era 54 ..

per il resto la pensiamo bene o male tutti allo stesso modo.. possibile che pochi interessi di poche persone devono danneggiare chi da entrambe le parti vuole vivere in pace ?

Michele ha detto...

Ho letto un articolo piuttosto agghiacciante sulla guerra a Gaza, riassumendo velocemente 3 elezioni in ballo in Israele, in palestina e in america. Sembra proprio una guerra" politica "

Anonimo ha detto...

giancarlo, noi ci divertiamo in leggere diatribe mentre c'è gente che le diatribe le fa coi missili. l'articolo di sofri e la foto me li ha mandati un amico. a me non piace vedere quelle cose e non so se è meglio vederle o non vederle... ma è realtà quotidiana. er califo.

Karim ha detto...

Gian, Luciano, Mathias, Michele, Pimpe: Mah... di fronte a certe immagini, non abbiamo parole, l'unica nostra salvezza è cercare rifugio nei nostri affetti... Qualche mese fa', ho passato un periodo in missione a Bangkok(!). Una sera, in un ristorante egiziano, hanno passato un video musicale lungo circa 45 minuti, con immagini di guerra (Iraq, Afghanistan, Palestina e altri teatri) che ci sono state risparmiate nei nostri telegiornali, cose atroci che non voglio descrivere ne ricordare... Inutile dire che tra la mia ordinazione e l'arrivo del cibo, mi è passata completamente la fame...
La cose delle elezioni, l'ho letta anch'io di sfuggita e questa spiegazione assurda purtroppo è molto verosimile!
Pimpe: Yes, lavoro alla FAO. Conosci l'ambiente?

Pimpe ha detto...

ci lavora una mia amica! :-) per quello conosco la zona.. obelisco di Axum (rimandato a casa ) compreso.. :-)

Diego ha detto...

La famiglia aiuta tanto,e poi i figli bisogna goderseli.... perchè il tempo vola !