domenica 7 febbraio 2016

La settimana finisce con due ore di rulli ieri, 2.2 chilometri di nuoto seguiti da 7 chilometri di corsa con temperature superiori ai 35 gradi. Sono riuscito a mantenere un ritmo di 5'/km, ma e' stata dura.
Questa mattina, verso le 6 e 20, sento un bel po' di spari, vicinissimi. Mi convinco che sono i cinesi che festeggiano il capodanno, ma so benissimo che non e' vero. Scopriro' poco dopo che ci sono dei simpaticoni che ci sparano addosso da venerdi. Un amico mio ha trovato questo nel bagno, e un bel buco sulla parete.
Devo decisamente cambiare percorso.

venerdì 5 febbraio 2016

Quasi le 10 di sera a Juba, fa caldo, ma non troppo. Dopo tre giorni di viaggio nel paese, ieri sono tornato a Juba e ho ripreso gli allenamenti. I giorni di riposo mi hanno fatto bene, tanto che questa mattina ho corso 11 chilometri sotto i 50', cosa che non facevo da almeno 4-5 anni. Sensazioni ormai perdute nella memoria che sono riaffiorate... ricordarsi cosa vuol dire correre. Bello. Questo il motivo di questo post.
Dopo 15 minuti che correvo questa mattina, verso le 6 e 15, ho sentito un paio di spari molto vicini. Ho accellerato per allontanarmi il piu' possibile quando, dopo 3-4 minuti e' iniziata una sparatoria intensa, durata non piu' di un paio di minuti. Intensa e vicina. Non buono.
Ma poi e' sceso il silenzio, e ho concluso la corsa con l'incontro con quest'amico nella foto:


Quest'altro l'avevo trovato qualche mese fa.


 Giornata finita con una pedalata tranquilla, domani si fa sul serio.