martedì 7 dicembre 2010

Occhio per occhio...

Le fatiche di Firenze ormai sono ben metabolizzate con effetti sorprendenti sulla mia corsa. La settimana scorsa ho fatto due uscite da 13 chilometri ognuna e per due volte ho battuto il mio personal best sui 10 K, tanto che mi sono iscritto alla Best Woman di domenica prossima con l'obiettivo dichiarato (e subito smentito) di provare a scendere sotto i 40', o comunque di avvicinarmici di molto.
Oggi, solita uscita alle 5 e 30 del mattino. Apro il portone e in meno di un secondo capisco che la mia maglietta termica e il giubbottino sono ben troppo pesanti per i 13 gradi che mi accolgono. Tornare su a casa per cambiarmi era impossibile dato che non avevo le chiavi e non volevo svegliare tutti. Quindi, con la consapevolezza che mi sarei fatto un bagno di sudore, sono partito per un giro di circa 16 chilometri corsi in scioltezza e in progressione a 4'24" di media, inclusa la salita finale di via dandolo. I primi due chilometri in discesa li ho corsi a 4'50" e una volta arrivato a San Pietro, ho messo la quinta e tenuto una media sotto i 4'20" fino alla fine dell'allenamento.
Una goduria.
Per il resto, devo definire un programma per Roma 2011. L'iscrizione è fatta, ora devo prepararmi per benino.
Ieri sera, ore 19, papà Karim fa il solletico alla figlia number 2, Jun. Negli spasimi di riso, la piccola fa un movimento brusco con la sua piccola manina che tiene una piccola pecorella del presepe, e che, nella sua rotazione intorno alla spalla di Jun, finisce dentro al mio occhio. Per la prima volta in vita mia, ho pianto lacrime di sangue, nel senso che usciva un liquido rossastro e denso dal sapore dolciastro che posso tranquillamente definire sangue, dal mio occhio, manco fossi la madonna di civitavecchia. Un dolore che non vi dico, e anche una certa preoccupazione per la salute del mio occhio, al quale tengo parecchio. La cosa bella è che per tutta la serata ho avuto la figlia number 2 rannicchiata tra le mie braccia che mi dava le carezze all'occhio tumefatto, e la figlia number 1 che mi abbracciava e mi dava i bacetti per farmi passare la bua.
Ah.... quasi quasi, stasera mi faccio distruggere l'altro occhio.
Buone corse!

14 commenti:

theyogi ha detto...

cosa non si farebbe per qualche tenerezza.... peccato per PI: forse farò un salto alla BW (magari da pirata), in pellegrinaggio al 'podista che piange'....

web runner ha detto...

Io dico che uno basta eh...
E' il bello degli organi pari. Magari mentre ti coccolano ti pestano un coglione, vai a sapere.
L'under 40 sui 10km lo vedo imminente.

Karim ha detto...

Yogi, spero di vederti da pirata alla BW, tanto è dietro casa tua!

Karim ha detto...

Stefano, mah, ormai gran parte del mio dovere l'ho fatto, un coglione può bastare per quello che rimane da fare, anche se preferirei che rimanessero pari!

GIAN CARLO ha detto...

Karim, under 40 io lo potrei fare sicuro ...ma non potrei fare in sequenza tutti gli allenamenti che hai fatto tu ...quindi vai e spacca.

insane ha detto...

Alla fine ne è valsa la pena avere un occhio in meno.. ;)

Karim ha detto...

Janco, sicuro che sotto i 40' ci vai anche con una sola gamba, io farò del mio meglio!

Karim ha detto...

Insane, meglio un occhio in meno che una gamba...

MaxRunner ha detto...

Spero che l'effetto benefico di Firenze compia il suo prodigio anche su di me ,comunque alla Best Woman ci sarò e là vedremo.
La tenerezza dei figli vale qualsiasi sacrificio basta "vederlo"...

Karim ha detto...

Max, speriamo di vederci. Ci sarà pure Stefano Old Boy.

Tosto ha detto...

a dir la verità avresti finalmente l'opportunità di girar con la benda all'occhio da pirata!
non è da tutti :)

MauroB2R ha detto...

Siiiii la benda da pirata spacca!!!

Pimpe ha detto...

meno male che era una pecora.. pensa se ti infilava i re magi ... :-))) tutti e tre....
:-))
ciaoo

Marco "Zanger" ha detto...

Ahi que dolor!!!
Dopo le lacrime di sangue aspettiamo il miracolo, quindi...
:-)

10k in 40'? Si. Puo'. Fareeeeeee!!!!