martedì 23 giugno 2009

Progressivo verso l'autodistruzione

Dopo la mezza di sabato scorso, ho fatto riposare le gambe per un paio di giorni: ridendo e scherzando, in una settimana ho raddoppiato il carico chilometrico e non ho voluto infierire sulle mie vecchie membra. Oggi, nonostante la temperatura mite, non avevo nessuna voglia di andare a correre. Dal caffè del mattino con i colleghi/amici storici, mi ronzava l’idea di lasciar perdere, farmi sopraffare dalla pigrizia e andare a pranzo con loro per sentire/dire un po’ di stronzate, commentare le ultime notizie, seppur ancora non certe – minzolini dixit – e passare un’oretta in allegria. Poi ho pensato allo stato d’animo venerdì prossimo facendo il riepilogo settimanale dei chilometri fatti, senza la sessione di oggi. Allora mi sono fatto forza, e come spesso accade, ne è uscito un allenamento niente male. Sono partito tranquillo, il primo chilometro chiuso in 5’27”, complici un paio di semafori rossi, poi ho continuato in 5’08”, 5’10”, 5’07”, 5’02”, 4’55”, 4’50”, 4’45”, 4’49”, 4’32”, 4’42”(Viale Giotto), per un totale di 11 chilometri in 54’33”, ad una media di 4’57”.
Le sensazioni sono state belle, probabilmente frutto della costanza delle ultime settimane e della temperatura che oggi non è andata oltre i 23/24 gradi con un’umidità relativamente bassa.
Detto ciò, girando tra vari giornali esteri che parlano del massimo esponente della coalizione a noi avversa (poi ci chiediamo perché il PD non vince…), ho trovato un paio di chicche degne di nota. La prima è di Jacques Chirac, ex Presidente francese, ha confidato qualche ricordo di Berlusconi, che definisce un tipo un po’ strano. In visita in una delle sue ville, Berlusconi fa vedere a Chirac il bagno, poi gli indica il bidè dicendogli “non sai quante paia di chiappe ha visto”. In un’altra occasione, Chirac vede su un tavolino, una serie di riviste con donne mezze nude e chiede un po’ stupito cosa ci facciano quelle riviste nella sua residenza. Come tutta risposta, Berlusca gli dice “questa me la sono fatta, questa pure, anche quest’altra…”.
In un editoriale del Guardian, si riporta una frase di Sgarbi: “If Berlusconi does not gain sexual satisfaction he governs badly” (Se Berlusconi non raggiunge la soddisfazione sessuale, governa male). Il giornalista chiude il pezzo parlando dell’opposizione che non esiste più e che Berlusconi se ne andrà solo quando il signore se lo porterà via. E allora gli italiani avranno un sospiro di sollievo.
Personalmente, non sono d’accordo. Credo che Berlusconi abbia schiacciato inavvertitamente il pulsante dell’autodistruzione. Solo lui può farsi fuori e in questo momento ce la sta mettendo tutta.
Speriamo bene.

11 commenti:

MFM ha detto...

Probabilmente hai ragione, Berlusconi ha schiacciato il pulsante dell'autodistruzione. Il problema è che non basta eliminare lui perchè dopo c'è il nulla.

Il PD pensa solo a mettersi fiocchi e braccialetti verdi. E' sempre facile fare scelte decise su temi che non riguardano direttamente il tuo elettorato. Quando avremo dei dirigenti di partito che si schiereranno con pari decisione sulle libertà che riguardano gli italiani, forse riusciremo a vincere. Che posizione hanno sulla libertà di stampa? E sui diritti delle minoranze che vivono in questo paese?

Karim ha detto...

Se sparisce Berlusconi, sparisce l'intera classe politica attuale. Il PDL vive in funzione del suo creatore, il PD esiste solo perché c'è Berlusconi. In ogni caso, credo di non sbagliare dicendo che lo status quo è la peggiore delle soluzioni.

Mathias ha detto...

comunque è vero senza berlusca bisogna riscrivere la politica, che in questo periodo è un enorme gossip, su un fronte e su quell'altro. A me quel che fa incazzar è che sotto il chiacchericcio ne fanno di cotte e di crude.Bel progressivo karim..pian pianello torna a far girar le gambe( non importa se piano o veloce, la cosa più bella è che girino)

the yogi ha detto...

diciamola tutta, all'estero non guardano la nostra tv ed hanno almeno una visione d'insieme: in italia è più credibile un riccastro p2ista corruttore di un di pietro (che ho voluto votare se non altro per dare una spallata allo status quo) che cmq fà la sua vigorosa opposizione... ma senza il papi di cosa parlerebbe il pd?
tornando alla corsa: io qualche gg di pausa me lo son preso....

GIAN CARLO ha detto...

Eccomi, eravate 4 mici al bar... mezzo disperati e moderatamente di sinistra.... bene siamo 5 !

Io al pulsante non ci credo... ma l'ondata di merda sale e... nessuno credeva che un giorno una simile onda di merda avrebbe sommerso le grandi banche americane... quindi sperare che si porti via un vecchio megalomane forse è lecito.

the yogi ha detto...

poki ma buoni.... ^^

Karim ha detto...

Yogi: questo è il risultato quando uno uomo solo controlla la quasi totalità dei mezzi d'informazione... vedi minzolini!
Gian Carlo: sperare che l'ondata di merda ci sommerga e si porti via il berlusca... cazzo, siamo messi veramente male!

Tosto ha detto...

Ho saputo recentemente e devo dire che non lo sapevo che Berlusconi è stato operato alla prostata per un tumore.
Se la notizia fosse confermata il Berlusca non può usare il suo coso quindi cadono molti capi di imputazione!

Karim ha detto...

Tosto: è stata la chicca di Feltri, che ha detto che sa per esperienza diretta che a Silvio non funziona causa operazione prostata, quindi non avrebbe necessità di pagare ragazze. Che gli funzioni o no, cazzi suoi, ma non c'entra con le ragazze pagate o meno. Silvio si è sempre vantato di dormire tre ore a notte e scopare per altre tre, con o senza prostata.

Tosto ha detto...

Deve essere una sorta di mistero divino!
del resto lui è legato a doppio filo con la divinità!

Comunque concordo con te quando si tratta di decenza ...

Anonimo ha detto...

è per me un ORRORE constatare che purtroppo le differenze tra il papi e il califfo si riducono a:
1)ho la prostata intatta
2)ho molti meno zeri sul cc
3)in brasile non ho il bidè
4)mia moglie non va a letto con cacciari
5)non pomicio coi siciliani.
luciano er califfo.