mercoledì 30 aprile 2014

Riepilogo Aprile 2014

Ah... finalmente un riepilogo mensile degno di questo nome....
L’immagine che l’Indonesia vorrebbe fosse proiettata a l’estero di se e’ quella di un paese musulmano democratico,  aperto, tollerante, giovane, fantasioso, all’avanguardia, che “il futuro e’ una palla di cannone accesa e noi lo stiamo quasi raggiungendo”. La realta’ e’ che e’ un paese che chiede alla minoranza shiita di convertirsi alla “vera” religione (sunnita ovviamente), un paese che tollera al massimo 6 religioni e se non fai parte di una di queste sei rischi la galera vera, un paese che tollera l’implementazione della legge islamica in alcune sue province, un paese chiuso in se stesso, convinto che sia il mondo a dover cercare di capire l’Indonesia, piuttosto che il contrario, un paese dove il film “Noe’” viene bandito, censurato, e stiamo parlando di Noe’, non del Marchese De Sade, un paese dove l’omosessualita’ e’ illegale, etc.... E’ un paese dalle mille contraddizioni, dove i 50 000 biglietti per il concerto di Lady Gaga vengono venduti in poche ore, ma dove l’influenza degli estremisti islamici e’ tale da riuscire ad annullare il concerto stesso. Un paese di giovani, di veri geni in ogni forma d’arte, che sia la musica, la scultura, la pittura, ragazzi veramente aperti al mondo, proiettati verso il nuovo e il moderno, un paese dove hai i grattacieli di Jakarta, dove c’e’ uso sconsiderato di ogni tipo di social network, ma dove puoi trovare dei posti dove ancora si bruciano le streghe. Un paese per nulla facile da capire e che non fa nulla er farsi piacere, convinto che la sua immensa cultura, la sua immensa diversita’, la sua grandezza, bastino per farsi amare ed ammirare.
Bene, tutto questo pippone perche’? Cosi, non c’e’ proprio una ragione perche’ questa chicca che ho trovato nel Jakarta Post, che potete trovare qui, rispecchia un po’ questo paese bacchettone legato alle tradizioni e alla religione con i suoi giovani che invece forse un po’ se ne fregano, scopando nei parchi pubblici. L’articolo (in inglese)  descrive come agenti di polizia in borghese si appostino nei parchi di Jakarta alla caccia di giovani che si scambiano effusioni. Per evitare che cio’ accada, saranno organizzate piu’ incursioni da parte delle forze di polizia e messe piu’ luci nei parchi. Se beccano due che si baciano, fischiano affinche’ la smettano subito, ma puo’ capitare che i giovani vadano oltre, e a quel punto, zac, li prendono e... azz, tocca chiamare i genitori e convincerli a fare sposare i ragazzi... Fantastico.
Va beh, solita sveglia alle 4 e 45, solito muezzin che chiama alla preghiera, qualche gallo che non si fa i cazzi suoi (o semplicemente il suo dovere di gallo), e il solito Karim, finalmente tornato vero e unico “early morning runner”, che impugna la bici per 50 chilometri sui rulli a 34.7 k/h di media.
Il mese ormai si chiude con la belleza di 906 chilometri di bici, 50 di corsa e circa 21 di nuoto, in piu’ di 36 ore d’allenamento, senza saltare un giorno. Si, lo ripeto ad ogni post perche’ sono veramente fiero di me... Infatti, aggiungo pure lo screenshoot degli allenamenti del mese di aprile. 

Da migliorare il chilometraggio soprattutto della corsa, ma sono sulla buona strada. Il miglioramento per quanto riguarda i miei tendini e’ spettacolare, ancora fatico a crederci, quindi giu’ con gli esercizi eccentrici e la fisioterapia, che il 70.3 e’ ha portata di mano.

Da una uggiosa Jakarta, nuvolosa con rischio di acquazzoni, un saluto e un augurio per le solite buone corse!

Nessun commento: