lunedì 19 ottobre 2009

10 chilometri in scioltezza...

Per puro masochismo, dopo aver sfogliato online la repubblica e il corriere, decido di fare un giro su Il Giornale. Tempo fa lo sfogliavo quasi quotidianamente, per il puro gusto di farmi un pò di male e per farmi quattro risate leggendo gli "editoriali" di Giordano e della redazione, e poi di Littorio Feltri. Più ancora degli editoriali, mi facevano ridere i commenti dei lettori. Poi, ad un certo punto, ho smesso di ridere e ho preferito ignorare l'esistenza di quel giornale. Oggi, però, ho sentito di un attacco del Giornale a Corrado Augias e quasi inconsciamente sono andato a vedere di cosa si trattava: beh, non potevo aspettarmi nulla di diverso della solita spazzatura, ed infatti, è solo una cacata. Augias spia dei servizi Cechi negli USA. Una cacata, appunto, ma mi ha dato la possibilità di leggere le "scuse" di Brachino al giudice Mesiano. Un altra cacata.
Come quella che ho trovato davanti al cancello di casa mia l'altro ieri. Torno a casa verso mezzogiorno da un giretto mattutino con la famigliola ed era tutto pulito. Quel giorno avevamo preparato una festa per la piccola Maya. Esco verso le quattro per buttare un pò di spazzatura, e cosa mi ritrovo proprio davanti al cancello: una bella cacata di cane. E ho pensato: "Berlusconi, ce lo meritiamo!".
Cosa c'entra Berlusconi con la cacata di cane davanti al mio cancello? Nulla. Ma dove c'è una cacata, lui c'entra sempre.
Parliamo di cose serie. Oggi, non sono riuscito ad alzarmi alle 5 e 30 come previsto. Di solito non metto sveglie perché non mi servono. Per un qualche strano meccanismo interno, se devo alzarmi alle 5, mi sveglio cinque minuti prima, senza bisogno di niente. Oggi, invece, a causa della stanchezza accumulata sabato e domenica (due feste di compleanno a casa mia!), mi sono svegliato alle 5 e 45, senza troppa voglia. Ho recuperato all'ora di pranzo con un gruppetto di colleghi. Abbiamo fatto il giro della Run for Food che si correrà sabato prossimo. Il percorso parte praticamente dalla FAO, per poi andare al Colosseo, Circo Massimo, Via Baccelli, Via delle Mura Ardeatine per chiudere allo stadio delle terme seguendo viale Aventino. 10 chilometri corsi a 4'36" di media. Credevo di andare molto più piano, tipo 4'50", e il riscontro cronometrico alla fine della corsa è stato un sorpresone.
Domani faró l'ultimo allenamento in terra italiana, poi, da mercoledí, spero di continuare a Nairobi. Dovrei tornare poi fra tre settimane, comunque in tempo per vedere la posa della prima pietra del ponte sullo stretto. Ah, è solo lo spostamento del binario che collega Cannitello a Villa San Giovanni, previsto indipendentemente dal Ponte? Peccato, ci contavo...

11 commenti:

Alfredo ha detto...

Ciao complimenti per il sito e per i tuoi racconti, ne ho letto qualcuno qua e la...
Buon viaggio e buone corse se potrai.

Karim ha detto...

Ti ringrazio Alfredo! E mi raccomando, fai sparire l'infame e macina chilometri più che puoi!

stoppre ha detto...

io se non metto la sveglia, mi alzo nel 22° secolo..alla faccia dell' orologio interno.

bressdicorsa ha detto...

uomo ma li chiami giornali ,libero,il giornale e company bella.?? uomo meglio correre,studio aperto fallira' prima o poi..

GIAN CARLO ha detto...

Ho mandato un amico con il cane sotto casa tua :-))))))

Drugo ha detto...

Ahaha, bella, Littorio Feltri mi mancava.
La cosa triste è che c'è gente che li prende sul serio sti giornali. Lo so che pare assurdo ma ve lo giuro, succede. Io li ho visti!

FabioG ha detto...

Tutti cachiamo, cribbio!

MFM ha detto...

La merda è una cosa troppo importante per accostarla alla spazatura.

the yogi ha detto...

a prop di cacate, la puzza arriva sino ad amsteram....!

insane ha detto...

Buon viaggio Karim,Nairobi ti allontanerà dalle cacate italiane..

Simone ha detto...

Ah, ecco perché vai meglio, ti alleni sui percorsi di gara... :)
Ci vediamo sabato.
Ma quel matto di Stanley non c'è? Mi aveva detto che avrebbe fatto pure la Garbatella.

Ciao,
Simone