mercoledì 17 dicembre 2008

Pensieri di corsa

La corsa è bella anche perché ti permette di pensare a cose diverse dal lavoro e dalla famiglia. Ti permette di stare da solo con te stesso per la durata dell’allenamento o della corsa, soprattutto quando le condizioni meteo sono perfette come oggi: un pallido sole, temperatura di 13 gradi, umidità un po’ alta ma, pazienza, non si può avere tutto. Approfitto della pausa pranzo per vestirmi ed uscire. Non importa che le scarpe sono ancora fradice dall’ultimo allenamento di water polo di due giorni fa, una scarpa bagnata non hai mai rappresentato un impedimento per un runner. Mentre corro, metto insieme un po’ di cose. Come un flash, m’appare un’intervista fatta qualche settimana fa alla televisione: una “giornalista” chiede ad una signora in un supermercato, mentre guarda il frigo con la carne, se è tranquilla, considerando il recente allarme diossina negli animali irlandesi. La signora risponde di sì perché compra solo carne italiana. Qualche annetto fa, durante la crisi dell’influenza aviaria, ci bombardarono con il messaggio che il pollo italiano era sicuro. Metto insieme questi flash con un paio di notizie lette oggi per caso sui giornali. Una notizia riporta l’abbattimento di 1800 pecore a Taranto a causa della diossina (http://bari.repubblica.it/multimedia/home/4115714). L’espresso riporta una notizia veramente allarmante sull’aumento di tumori ed altre malattie soprattutto nei bambini che vivono in zone inquinate, aumenti non confrontabili con i paesi occidentali
(http://espresso.repubblica.it/dettaglio/Sos-bambini/2052441&ref=hpsp). Mi ricordo come se fosse ieri, un servizio andato in onda a Sciuscià (Santoro anni 90), un servizio agghiacciante su come venivano coltivati i pomodori a Scafati (Salerno), irrigati con le acque usate dalla concerie, piene di metalli pesanti ed altre schifezze. Pomodori che poi venivano mandati in settentrione per essere confezionati da aziende “serie”. Da allora non ho più comprato sugo di pomodoro o pomodori pelati in scatola (per fortuna mio suocero ne coltiva abbastanza per tutta la famiglia). E poi ci dicono di stare attenti a ciò che proviene dalla Cina e di mangiare italiano perché sano e controllato… Mah. E penso in perfetto inglese oxfordiano "Where the dick am I living?" (Ma 'ndo cazzo vivo?).
Tornando alla corsa, oggi mi sono fatto un bel progressivo di 12 chilometri, con i primi sei a 5’00” netti al chilometro, i secondi tre a 4’38” e gli ultimi tre a 4’29”, perfettamente in linea con quanto programmato.
Primo appunto sul mio Polar: perché a volte mi appare sul display che vado a 9’40”, mentre è ovvio che sto andando molto più velocemente? Se il segnale non è buono, perché non mi dice semplicemente “scusami, ma ricevo male il segnale, preferisco non segnalarti nulla perché sarebbe una stronzata”?
Secondo appunto: credo che il mio fisico stia cercando di dirmi qualcosa. E’ da più di un mese che soffro di malanni vari. Ho cominciato con una tosse persistente, poi una laringo-tracheite a ridosso della maratona di Firenze, poi un raffreddore che ancora non m’è passato preso proprio a Firenze. Senza contare quello che m’è venuto, sempre dopo la Maratona di Firenze, che non posso divulagre per non offuscare la mia fama di gran…
Mah, se questo post arriva a 50 commenti, ve lo dico.

20 commenti:

Danirunner ha detto...

Non ti fumava il cervello per tutti quei flash? occhio ai malanni!!! - 9'40" - non è che il Polar ti segnala la media dei 2 km?

Alessandro ha detto...

Se smetti di comprare pomodori in scatola, devi anche smettere di comprare qualsiasi cibo di produzione industriale! Penso che sia troppo, vale invece la pena cercare di farsi una propria coscienza su quello che compriamo, informarsi e cercare di capire cosa c'è dietro i marchi che la pubblicità giornalmente ci propone.

Forse ti merita fermarti qualche giorno e cercare di guarire bene da quei malanni da raffreddamento che ti porti dietro da un pò, evitando anche di imbottirti di medicinali per guarire prima. Tieni poi conto che ti sei buttato da una preparazione di una maratona ad un'altra senza neanche prendere fiato. Forse hai bisogno di riposarti un pò ed è anche per questo che il tuo fisico si ribella.

Karim ha detto...

x Danirunner: il polar mi stava indicando il passo tenuto in quel momento, e sballava chiaramente. Capita che mantieni un ritmo costant a 4 e 30, per esempio, e di colpo di ritrovi a 6, senza che tu abbia rallentato. Credo sia dovuto ad una ridotta ricezione dei satelliti, credo...
X Ale: si, dovrei fermarmi, ma sai come sono fatti questi pazzi che corrono...

Gianluca Rigon ha detto...

Post denso di argomenti.....
1. Alimentari: non si sa più cosa mangiare. L'ideale sarebbe avere un orto, una vacchetta e un maiale e arrangiarsi. Ma mi sa che non è possibile. E' un mondo sempre + difficile anche se viene spacciato per sempre più facile ....
2. Polar: anche con il Garmin succede un pò la stessa cosa ed è quasi inevitabile (anche se varie review di Polar e Garmin danno quest'ultimo migliore a livello di ricezione). Conviene, anche se non so se possibile con il polar, impostare come dato di lettura la velocità media sicuramente più affidabile pittosto che la velocità istantanea.
3. Malanni vari: girovagando tra i "blogdicorsa" questo è il periodo degli acciacchi. Tra umidità, freddo, residui da carichi elavati per le preparazioni fatte, maratone corse, ecc. c'è sempre un motivo. Purtroppo l'unica è aspettare con pò di pazienza (la virtù dei forti).

Ho fatto un bel commento vero ? ahahahahah

Ciao !

GIAN CARLO ha detto...

Basta vedere Gomorra per ricordarsi in che dick di posto viviamo.
Se corro su percorsi misurati non porto il garmin, anche se qualche volta al biscotto l'ho usato...ma per capire se funzionava il garmin...del biscotto ero certissimo.
Dopo il passatore del 2004 ho sofferto di emorroidi clamorose(ed è stata la prima e unica volta in vita mia
Ogni tanto tra clima e sovraccarico cadiamo in uno stato di sotto-salute che converrebbe staccare la spina un mese...talvolta ci pensa il fisico, talvolta sempre il fisico reagisce dopo 20 anni di corse ho capito che non esistono bianchi e neri....ma tanti grigi !

franchino ha detto...

Mizzica Gianluca m'ha tolto le parole dalla tastiera...

Karim ha detto...

x Gianluca: gran bel commento! Purtroppo, non credo che nel polar si possa impostare l'andatura media, o almeno ancora non ho scovato questa funzione.
x Gian Carlo: appunto... solo che non ho fatto i 100 del passatore, ma solo i 42 di Firenze... Prima e spero anche l'ultima.
x Franchino: dove l'hai trovato il logo runner inside?

franchino ha detto...

Karim il logo l'ho fatto io, se vuoi te ne mando uno con sfondo bianco o con scritto quello che vuoi (ho anche il font). Se ti va contattami pure sulla mail lagrandecorsa@email.it

MauroB2R ha detto...

@GianlucaRigon
Con il Garmin 305 non mi è mai capitato che sballasse cosi tanto...mentre con il G1 polar mi capitava praticamente sempre la stessa cosa: valori sballati etc etc

Michele ha detto...

ormai non si sa cosa mangiamo,però i media fanno allarmismi allucinanti per cose di pochissimo conto. basta guardare i numeri dei decessi dovuti alle varie epidemie tipo mucca pazza aviaria ecc ecc Invece fumo e alcool tutto ok .
I ns gps NON sono strumenti di precisione quindi terrei buone le medie finali e non mi preoccuperei del durante.
Ricorda che correre tanto abbassa in modo significativo le difese immunitarie, c'è un articolo sull'ultimo num. di correre. Probabilmente sei in questa fase : e poi fallo sapere a tutti che il birillo non ti funziona più :)

Karim ha detto...

Per quanto riguarda il sensore G1, sapevo dei problemi di ricezione. Uso il G3, che dovrebbe essere il top della gamma, ma giustamente Michele ci ricorda che non sono strumenti di precisione. Le medie finali sono abbastanza veritiere.
Il birillo funzione... mia moglie è ancora incinta. Spero di me.

Gianluca Rigon ha detto...

@Mauro: in effetti anche a me non ha mai dato grossi problemi se non sporadicamente in qualche boschetto...

GIAN CARLO ha detto...

@Gianluca, il birillo ?

Karim ha detto...

Il birillo nel boschetto funziona male, si sa.

Alvin ha detto...

A me il birillo nel boschetto funziona e bene...anche mia moglie aspetta un bimbo/a...e il padre dovrei essere io...
per il polar non ti so dire ma il garmin nel boschetto sballa di 10 sec/km...per tutto il resto c'è mastercard!

Danirunner ha detto...

Per ora in 3 mesi non mi è mai capitato, ho il Garmin 205, visualizzo insieme ultimo km e la media e sono ok. Credo anch'io che sia la perdita di ricezione, il Garmin, una volta attaccatosi al satellite non lo molla più. Quando correvo nei boschetti non l'avevo ancora!!! il Garmin!!!

Pimpe ha detto...

scusate ma il garmin sul birillo non va bene..!

oh, ciao Karim ti linko subito , perche' mi mancavi .. :-))

pimpe :-)

pgiova ha detto...

Ciao! Volevo lasciare un mio commento per contribuire ad arrivare a 50 ma mi sembra di aver capito che il segreto è già stato svelato. Nei giorni precedenti Firenze ho scoperto il tuo blog insieme agli altri BlogTrotters, a te va il mio saluto e gli auguri di ritrovare la forma quanto prima. Per il resto ....no al peperoncino.

Karim ha detto...

x Alvin: TANTI AUGURI! Se non sai ancora se è maschio o femmina, vuol dire che siete all'inizio di questa ultra maratona.
x Pimpe e Dani: mi trattengo ma non commento sul birillo!
x Pgiova: per fortuna, posso ricominciare a mangiare il peperoncino... che, si sa, fa bene al... (vedi sopra)

Alberto Bressan "Pasteo" ha detto...

L'uomo riesce e riuscirà sempre a trovare il modo di rovinare tutto e l' alimentazione(i pomodori che nomini tu) é al primo posto!!!...per il fatto che il denaro rende tutti pazzi!!!E' tutta colpa dei soldi!!!
Ti auguro di recuperare bene dopo la maratona di firenze e di tornare al massimo. grazie per il consiglio del libro antifumo...io sto diventando matto ma vedo che c'é chi mi capisce. Ciao a presto