martedì 29 marzo 2011

Il guanto di lattex

Ci sono alcuni paesi, devo dire assai rari, che non mi piacciono, non ci pigliamo, ci stiamo un pò sulle palle. Mi è capitato con l’Angola. La nostalgia che ho di questo paese è uguale a quella che provo quando tiro lo sciacquone salutando il prodotto del mio corpo che non vedrò più.
Il benvenuto all’arrivo in Angola è stata una risata generale al grido di “Berlusconi!” quando al controllo passaporti hanno visto il mio passaporto italiano e quando mi hanno sfilato 50 dollari perché non avevo il libretto delle vaccinazioni.
L’antipatia per il paese è continuata per tutti i giorni che sono rimasto lí, per i morsi delle zecche nel container dove ho dormito a Luanda, per le ore d’attesa all’aeroporto per prendere aerei sempre in ritardo, per l’antipatia della gente, per la corruzione dilagante...
Ma il massimo è stato il giorno della partenza. Per qualche motivo oscuro, è vietato esportare la valuta nazionale dal paese. Non si può. Se hai un pò di Quanza in tasca, li devi lasciare prima del controllo passaporti e farti rilasciare una ricevuta. Grandi tabelloni sparsi per tutto l’aeroporto te lo ricordano. I quanza, fuori dall’Angola, proprio no.
E chi se ne frega, penso io, avendo cambiato il giorno prima qualche dollaro ed avendo ancora l’equivalente di circa 30 dollari in tasca. Passo il primo controllo, mi chiedono se ho dei quanza, con nonchalance dico di no e vado oltre. Il controllo passaporto va liscio e mi appresto ad entrare in sala d’attesa quando un tizio in uniforme mi chiama e mi dice di entrare in un ufficio. Entro, e nell’ufficio c’è un tavolo, e sopra il tavolo una confezione di guanti di latex. Il tizio mi guarda e mi chiede se ho dei Quanza. Senza pensarci due volte, tiro fuori i soldi dalla tasca, non insisto per la ricevuta e me ne vado.
Vi assicuro che quei guanti di latex intimoriscono.
Corsa in Angola no, non si può. In Botswana ho corso un paio di volte, pochi chilometri. A Nairobi niente. Ma ho compensato con delle flessioni. Il tendine sembra stare abbastanza bene. Domani torno a Roma. Vediamo di ricominciare, non mi reggo più!

17 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Domenica ai Granai ?

Karim ha detto...

Ci provo, sono due mesi che sono fermo... porca troia!

Ciccò ha detto...

donne e buoi dei paesi tuoi

Tosto ha detto...

mamma mia!
anche l'ispezione anale scongiurata :)

theyogi ha detto...

flessioni e guanti di lattice non vanno affatto d'accordo, meno male che sei venuto via....

Bruno V. ha detto...

Raccapricciante...

Luca "Ginko" ha detto...

Certo che se in un paese del genere ridono di Berlusconi..

Anonimo ha detto...

comincia a piacermi sto angola... na specie de brasile più selvatico... scommetto che se tromba da paura! del resto le chiappe impennate brasiliane sono eredità angolana...
voi italianucci siete troppo delicati... ihihih!
luciano er califfo.

MFM - bummi ha detto...

Gajardi i guanti in lattice. E' proprio vero che in Africa sono troppo avanti rispetto a noi. :-D

La Polisportiva ha detto...

figo 'sto Angola!

MaxRunner ha detto...

ma poi con sti quanza che ci avresti fatto....manco per ricordo.

Karim ha detto...

Presumo che si trombi,ma purtroppo il codice di condotta delle nazioni unite m'impedisce di verificare!
Che c'avrei fatto con i Quanza? Un cazzo, un ricordo... Probabilmente dovró pure tornarci presto in Angola.
Sono a Dubai. Aspetto il 13esimo aereo in 13 giorni, sono le 5 e 43 ora locale, vi saluto.

Anonimo ha detto...

ma vaaaaaa! sei l'unico italiano ormai che rispetta i codici di condotta!
proprio 1 mese fa n'amico mio m'ha raccontato certe cose de dubbbai!
er califfo.

TylerDurden ha detto...

Ti stavano trattando coi guanti, ma non era proprio cosa stavolta.

Stefano ha detto...

tanto o dentro o fuori dal raccordo anulare qui si tromba sempre troppo poco.
W il Califfo che c'ha fregato a tutti.

mudupock ha detto...

I hope you will keep updating your content constantly as you have one dedicated reader here.

paxil

teroapex ha detto...

Keep posting stuff like this i really like it

generic cialis